In edicola
n° 12/2017
area abbonati
Archivio articoli
2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011 2010
Autori
Acoté Massimiliano Cannata Daniele Chieffi Giampaolo Colletti Paola Conversano Luigi Dell'Olio Vito Di Bari Antonio Dini Emanuele Facile Gaia Fiertler Giovanna Guercilena Giovanni Medioli Giorgio Neglia Andrea Notarnicola Letizia Olivari Maria Cristina Origlia Daniela Ostidich Paola Stringa Marco Todarello Danilo Zatta
Il Sole 24 Ore Shopping 24

Attualit

“Responsabile Qualità” o “Quality Manager”: cosa cambia?

4 febbraio 2014




di ERIKA LEONARDI. Manca poco alla nuova revisione della ISO 9001, prevista per il 2015. Circolano le bozze che delineano i nuovi impegni di una norma che mira ad essere utile alle esigenze delle organizzazioni che vogliono affermarsi nel mercato. Non sempre le chiacchiere sull'applicazione della norma sono positive. Si rimprovera formalismo e burocrazia, si racconta come un obbligo e quindi un costo piuttosto che un investimento. Come dare una svolta?

Accendiamo il riflettore sulla figura che ha il cappello della qualità.
Chiamato generalmente Responsabile Qualità o Responsabile Gestione Qualità, mi piace ribattezzarlo "Quality Manager". Non è amore verso l'uso di inglesismi: l'attenzione è verso "Manager", in sostituzione di "Responsabile".  Ogni termine ha una valenza suggestiva, ovvero si associa a precisi significati: la scelta delle parole aiuta a farsi capire.

Primo interrogativo: chi è responsabile della qualità? In teoria tutti. Nella pratica, a causa di questa dizione, nei corridoi si scarica il più possibile alla figura delegata dall' Alta Direzione. Grave errore. Gestire la qualità non è tenere le carte (procedure, istruzioni, etc.): i documenti sono uno strumento, non il fine della qualità. Nascono così critici fraintendimenti.

Diverso è il significato di Manager: è colui che guida gli altri verso il conseguimento di obiettivi. Ha certamente un bagaglio di responsabilità, ma non solo. Le norme della serie ISO 9000 quando indicano i compiti, adottano un abbinamento: responsabilità e autorità. La qualità applicata male pone l'accento sulla prima ed esclude la seconda. È come dire: devi fare canestro, ma non hai libertà d'azione .

La figura Qualità si trova in una posizione chiave: fra la Direzione e il personale. Deve essere in grado di "garantire" il conseguimento di obiettivi suoi e dell'organizzazione, ovvero svolgere un ruolo manageriale. Significa:  "saper fare" e anche "guidare gli altri a fare". Sue responsabilità sono:
- rendere chiari e far condividere gli obiettivi,
- guidare gli altri a pianificare,
- monitorare e coordinare,
- aiutare le persone a crescere,
- dare supporto nei momenti critici.

Parallelamente deve avere l'autorità per:
- richiedere le risorse e gli strumenti per sé e per gli altri,
- intervenire quando il conseguimento delle mete appare compromesso,
- elogiare i contributi,
- criticare le carenze.

Occorre attivarsi affinché il Quality Manager abbia credibilità presso la Direzione e autorevolezza con le persone. La leva è la professionalità. Considerando che in Italia ci sono più di 150.000 organizzazioni certificate, abbiamo una misura dell'apporto che questa figura può dare ad un qualità utile e vera. Cominciamo ad investire sulla sua formazione e professionalità.

www.erikaleonardi.it

Erika Leonardi è autrice di numerose pubblicazioni edite Sole24 Ore, tra le quali:
Azienda in Jazz Jazz Jazz (disponibile anche l'anteprima)
La Guida del Sole 24 Ore alla Gestione del Servizio
Vuoi entrare in contatto con l'autrice per domande o chiarimenti? SCRIVICI SUBITO!

Redazione
Rivista Italiana di Management, fondata nel 1959.
Altri articoli
Gli autori dell'Impresa