In edicola
n° 12/2017
area abbonati
Archivio articoli
2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011 2010
Autori
Acoté Massimiliano Cannata Daniele Chieffi Giampaolo Colletti Paola Conversano Luigi Dell'Olio Vito Di Bari Antonio Dini Emanuele Facile Gaia Fiertler Giovanna Guercilena Giovanni Medioli Giorgio Neglia Andrea Notarnicola Letizia Olivari Maria Cristina Origlia Daniela Ostidich Paola Stringa Marco Todarello Danilo Zatta
Il Sole 24 Ore Shopping 24

Attualit

Bancomat bloccato: disperazione e rabbia. Reazione giustificata?

20 febbraio 2014




di ERIKA LEONARDI. Con il bancomat il cliente ha diversi vantaggi, ma vive un contesto particolare. Non ha vincoli di orario, ma deve compiere incombenze dell'addetto allo sportello: alla libertà si associa un carico di lavoro. Il suo interlocutore è però una macchina, le cui azioni e reazioni sono rigidamente prescritte: manca la rassicurazione della figura umana.
Non dobbiamo sottovalutare che il servizio su base tecnologica ha precise caratterizzazioni:
- incerto livello di familiarità con lo strumento,
- mancanza dell'interazione con la persona,
- difficoltà a chiedere aiuto e assistenza,
- timori di conseguenze a livello finanziario e sociale,
- sensazioni di disagio e di insicurezza.

E non tutti hanno la stessa predisposizione ad interagire con la tecnologia! C'è una grande variabilità di tipologie di utenti:
- gli esploratori: ci credono e sono facili da attrarre;
- i pionieri: pur motivati, hanno bisogno di supporto;
- gli scettici: inizialmente diffidenti, devono essere convinti sulla base dei benefici;
- gli indolenti: poco motivati e molto inibiti, si prestano solo se costretti;
- i diffidenti: poco inclini a provare, sono insicuri e hanno bisogno di assistenza e rassicurazione.

Ben diverse saranno quindi le reazioni a seguito del blocco del bancomat!
Teniamo presente un aspetto molto importante: una bassa propensione alla tecnologia non è una carenza di competenze, bensì un atteggiamento, nei cui confronti si può intervenire con una accurata comunicazione.

IL DISSERVIZIO
Un servizio che non va a buon fine ha limitate analogie con il malfunzionamento di un prodotto. Cambia lo stato d'animo della persona: viene descritto come una sorta di ferita! Le emozioni che entrano in gioco sono più forti: il cliente si sente toccato nella sua identità di persona.
Quando c'è anche la tecnologia, il contesto si complica. Nel caso di problemi, la persona teme di perdere il controllo del contesto e può diventare preda di diversi stati d'animo negativi: sopraffazione, sospetto, sfiducia, scetticismo.

LE AZIONI
Per far fronte a questi eventi, la leva più efficace è una comunicazione rassicurante. Potrà avere diverse forme:
- dimostrazioni convincenti sulla sicurezza,
- dispositivi e messaggi tranquillizzanti,
- feed back,
- garanzie.

In questo caso avrebbe un effetto rassicurante un messaggio che indica le altre postazioni di bancomat nelle vicinanze… augurandosi che siano funzionanti!

____________

www.erikaleonardi.it

Erika Leonardi è autrice di numerose pubblicazioni edite Sole24 Ore, tra le quali:
Azienda in Jazz Jazz Jazz (disponibile anche l'anteprima)
La Guida del Sole 24 Ore alla Gestione del Servizio
Vuoi entrare in contatto con l'autrice per domande o chiarimenti? SCRIVICI SUBITO!



Redazione
Rivista Italiana di Management, fondata nel 1959.
Altri articoli
Gli autori dell'Impresa