In edicola
n° 03/2017
area abbonati
Archivio articoli
2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011 2010
Autori
Acoté Massimiliano Cannata Daniele Chieffi Giampaolo Colletti Paola Conversano Luigi Dell'Olio Vito Di Bari Antonio Dini Emanuele Facile Gaia Fiertler Giovanna Guercilena Giovanni Medioli Giorgio Neglia Andrea Notarnicola Letizia Olivari Maria Cristina Origlia Daniela Ostidich Paola Stringa Marco Todarello Danilo Zatta
Il Sole 24 Ore Shopping 24

Attualit

Ancora in ritardo: la PA italiana sfora i 180 giorni medi per i pagamenti

26 giugno 2012




Si aggrava il ritardo nei pagamenti alle imprese da parte della Pubblica Amministrazione in Italia. Lo rivela un documento dell'Assifact presentato in occasione dell'assemblea annuale dell'associazione che si è tenuta a Milano il 21 giugno. Il ritardo medio passa da 52 giorni nel 2009 a 90 giorni nel 2011. La durata effettiva dei crediti verso la PA (180 giorni) è la più elevata tra i maggiori paesi europei.

 Storicamente le imprese italiane hanno fatto ampio ricorso al debito commerciale e alle dilazioni di pagamento delle forniture: i crediti commerciali, negli ultimi anni, hanno rappresentato circa un terzo delle attività delle imprese (36% circa con riferimento all'ultima stima di Banca d'Italia disponibile).

I tempi di pagamento dei crediti commerciali vantati dalle imprese, nel corso dell'ultimo anno, si sono sensibilmente allungati in conseguenza della crisi economica. In Italia, in particolare, i tempi medi necessari per ottenere il pagamento dei propri crediti commerciali verso le imprese appaiono in linea con quelli di Spagna e Portogallo ma superiori rispetto a quelli degli altri principali paesi europei.

Da un'indagine svolta da Assifact, emerge che i crediti verso le Amministrazioni locali rappresentano circa il 58% del portafoglio crediti verso la Pubblica Amministrazione. Una parte rilevante dei crediti (36%), inoltre, è composta da crediti verso enti del settore sanitario.

 

L'Assemblea di Assifact ha anch esaminato i dati sull'andamento del factoring nei primi cinque mesi del 2012. Dopo la fortissima crescita del 2011, al 31 maggio 2012 il volume d'affari (turnover cumulativo) risulta di 65,057 miliardi di euro, con una ulteriore crescita del 3,57% rispetto allo stesso mese dell'anno scorso. Il monte crediti in essere (outstanding) è di 48,40 miliardi di euro (+3,57%), mentre gli anticipi e corrispettivi pagati risultano in aumento del 6,25% a 36,64 miliardi.

L'Italia continua ad occupare le primissime posizioni nella graduatoria del factoring mondiale, che nel 2011 ha fatto registrare un vero e proprio boom, come confermano gli ultimi dati diffusi oggi da Assifact: il totale mondo ha superato i 2000 miliardi di euro (2.015,413), con un incremento del 22,28% rispetto al 2010.

Il Consiglio di Assifact ha designato Massimo Ferraris alla presidenza dell'Associazione per il biennio 2012-2014.

Giovanni Medioli
Giovanni Medioli, giornalista esperto di finanza e credito, blogger, coordinatore della “Guida del Sole 24 Ore a Basilea 2” e coautore della “Guida Pratica del Sole 24 Ore al credito alle Pmi”.
Altri articoli
Gli autori dell'Impresa