In edicola
n° 7-8/2017
area abbonati
Archivio articoli
2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011 2010
Autori
Acoté Massimiliano Cannata Daniele Chieffi Giampaolo Colletti Paola Conversano Luigi Dell'Olio Vito Di Bari Antonio Dini Emanuele Facile Gaia Fiertler Giovanna Guercilena Giovanni Medioli Giorgio Neglia Andrea Notarnicola Letizia Olivari Maria Cristina Origlia Daniela Ostidich Paola Stringa Marco Todarello Danilo Zatta
Il Sole 24 Ore Shopping 24

Economia

Questioni di principio (peloso)

1 maggio 2013




C'è qualcosa che accomuna la battaglia portata avanti sull'articolo 18 ai tempi della riforma Fornero e quella sull'Imu su cui si stanno concentrando gli scontri politici del momento. In entrambi i casi, si tratta di propaganda, di questioni di (peloso) principio che distraggono le intelligenze e le energie dalla sostanza per impegnarle in aspetti di dettaglio, di fatto ininfluenti. Così come l'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori – che, ricordiamolo en passant, è datato 1970 –non era di per sé il fattore decisivo affinché gli investimenti tornassero a girare nel nostro paese, così l'Imu non esaurisce la questione fiscale. Non è che se anche venisse eliminata l'Imu, allora il problema dell'eccessivo carico fiscale sui cittadini sarebbe risolto.

Siamo il Paese col record di tassazione sui redditi, sull'impresa, sui capitali. Con l'effetto, logico e dunque prevedibile, di sottrarre risorse agli italiani per i consumi e alle imprese per gli investimenti, dando così vita a un circolo vizioso che rende tutti più poveri. Per quanto antipatica possa essere l'Imu (esistono peraltro tasse simpatiche?), essa rappresenta nondimeno solo una pagliuzza, una goccia nel mare. Chi ha veramente a cuore il futuro di questo Paese, deve avere il coraggio di dire che la tassazione complessiva ha ormai raggiunto livelli di per sé antieconomici e che è diventata urgente una revisione generale dell'intero sistema, non solo per togliere questa o quella tassa in particolare e magari sostituirla con altri canali di gettito, ma per ridurre il carico totale. E poiché in queste cose non può esserci né trucco né inganno, occorre accettare il principio per cui è necessario prima ridurre il costo del debito pubblico da un lato e della macchina statale dall'altro, per quanto riguarda sia i costi di funzionamento sia lo spettro delle competenze appunto pubbliche. Non se ne esce. E' per questo che qualsiasi discussione, polemica, presa di posizione su un singolo dettaglio sottratto alla logica d'insieme non ottiene altro che far perdere tempo. Le tasse in questo Paese sono così alte da produrre effetti recessivi: partiamo di qua. Per favore.

Giovanna Guercilena
Si occupa di giornalismo economico cercando di allargare lo sguardo al mondo. Scrive in mercati, formazione, tendenze e interviste.
Altri articoli
Gli autori dell'Impresa