l'Impresa in edicola
n° 02/2017
area abbonati

Mercati

Bene l'export del marmo italiano

12 giugno 2013




Ormai le buone notizie arrivano, quando arrivano, solo dal fronte export. E' così anche per il settore del marmo italiano, che nel primo trimestre di quest'anno ha raggiunto i 387 milioni di euro di valore, contro i 354 dello stesso periodo 2012. Significa un incoraggiante + 9,2 per cento. Sono i dati Istat elaborati dall'Osservatorio Marmomacc, la fiera di settore, relativi, appunto, ai prodotti lavorati e grezzi del comparto marmo lapideo made in Italy.

«Un dato che conferma come il settore della pietra naturale sia in controtendenza positiva rispetto all'andamento generale dell'export italiano nel primo trimestre di quest'anno", commenta Ettore Riello, presidente di Veronafiere dove dal 25 al 28 settembre prossimi si svolgerà la quarantottesima edizione di Marmomacc. "Quello della pietra naturale – continua – è uno dei comparti produttivi di maggior tradizione e qualità del made in Italy e per continuare a sostenerne l'export, puntare su cultura e business".

Su cultura perché la pietra e il marmo sono materie vive su cui si esalta la creatività e la manualità dell'uomo, valorizzando anche tutti gli aspetti di design che rappresentano un po' il valore aggiunto per tanta produzione italiana. Difatti, un intero padiglione della fiera verrà proprio dedicato a conveni, laboratori, mostre e installazioni, con un'attenzione particolare sui progetti di giovani architetti e designer emergenti.

Il côté business è presidiato anche dalle numerose iniziative di supporto alle attività di esportazione che nel corso dell'anno si tengono in giro per il mondo, dagli Usa all'Arabia Saudita, dall'India al Nord Africa e al Brasile. Senza sottovalutare i numeri di Marmomacc nella sua versione veronese: una media di 1.500 espositori da oltr 55 paesi, 50mila visitatori provenienti da 130 nazioni, cinquanta delegazioni commerciali internazionali.

Giovanna Guercilena
Si occupa di giornalismo economico cercando di allargare lo sguardo al mondo. Scrive in mercati, formazione, tendenze e interviste.
Altri articoli
Gli autori dell'Impresa