In edicola
n° 06/2017
area abbonati
Archivio articoli
2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011 2010
Autori
Acoté Massimiliano Cannata Daniele Chieffi Giampaolo Colletti Paola Conversano Luigi Dell'Olio Vito Di Bari Antonio Dini Emanuele Facile Gaia Fiertler Giovanna Guercilena Giovanni Medioli Giorgio Neglia Andrea Notarnicola Letizia Olivari Maria Cristina Origlia Daniela Ostidich Paola Stringa Marco Todarello Danilo Zatta
Il Sole 24 Ore Shopping 24

Mercati

Aumentano gli investimenti alberghieri

9 luglio 2013




I Fondi sovrani del Qatar e di Abu Dhabi continuano a guidare gli investimenti gli investimenti immobiliari alberghieri nell'area Emea. Nel primo semestre di quest'anno, hanno praticamente triplicato gli investimenti e sono arrivati a quota 2,1 miliardi di euro su un volume totale di investimenti pari a 5 miliardi e mezzo, circa il 38% in più rispetto ai primi sei mesi del 2012. Dopo i capitali del Medio Oriente, seguono investitori internazionali come Westmont, Starwood Capital e Morgan Stanley con una quota di mercato pari al 20% del volume. In terza posizione, investitori domestici con una quota di mercato pari al 18%.

Il mercato più attivo si conferma il Regno Unito, con un volume di investimenti pari a 2,3 miliardi di euro, il 41% del totale Emea. Tra le transazioni più significative, la vendita di un portafoglio di 42 hotel a insegna Marriott e di 27 alberghi del gruppo Principal Hayley. Sommando il valore di queste due operazioni top, entrambe targate Uk, alla terza grande operazione del periodo, cioé la transazione di quattro albergi del Group de Louvre in Francia, si arriva a un valore di 1,8 miliardi di euro, più o meno il 33% dell'intero volume di investimenti in area Emea. La Francia è difatti un altro mercato che è cresciuto: con 1,3 miliardi di euro, copre circa il 23% dell'intero mercato. Rilevante anche la vendita del Mandarin Oriental di Parigi, 138 camere, operazione da 290 milioni di euro.

 "La ripresa - commenta Roberto Galano, Executive Vice President del Gruppo Hotels & Hospitality di Jones Lang - è favorita dal crescente numero di opportunità sul mercato e dall'allineamento nelle aspettative di prezzo tra acquirenti e venditori, sulla spinta anche di una maggiore disponibilità di finanziamenti". "Proprio alla luce di un miglioramento generale nella disponibilità di debito - continua - è possibile prevedere un incremento nel volume di investimento rispetto alla nostra stima iniziale pari ad a €8,5 miliardi".  

Giovanna Guercilena
Si occupa di giornalismo economico cercando di allargare lo sguardo al mondo. Scrive in mercati, formazione, tendenze e interviste.
Altri articoli
Gli autori dell'Impresa