In edicola
n° 11/2017
area abbonati
Archivio articoli
2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011 2010
Autori
Acoté Massimiliano Cannata Daniele Chieffi Giampaolo Colletti Paola Conversano Luigi Dell'Olio Vito Di Bari Antonio Dini Emanuele Facile Gaia Fiertler Giovanna Guercilena Giovanni Medioli Giorgio Neglia Andrea Notarnicola Letizia Olivari Maria Cristina Origlia Daniela Ostidich Paola Stringa Marco Todarello Danilo Zatta
Il Sole 24 Ore Shopping 24

Attualità

Lo stage? I giovani ci stanno purché alla fine...

25 giugno 2015




Condannati al lavoro malpagato o bamboccioni? Sfruttati o renitenti al lavoro? Di sicuro la "condizione giovanile" e la scarsità di opportunità di lavoro in Italia oggi è uno dei buchi neri più vistosi della ripresa economica che fatica a venire. Ma i giovani sono veramente disposti a fare sacrifici per trovare questo benedetto lavoro che non si trova? A indagare l'atteggiamento dei ragazzi in cerca di occupazione ci ha pensato il Rapporto Giovani dell'Istituto Toniolo di studi superiori dell'Università Cattolica di Milano (www.rapportogiovani.it) che ha presentato i dati di una ricerca su  "giovani e stage" in occasione della conferenza Best Stage 2015 organizzata dalla Repubblica degli Stagisti (www.repubblicadeglistagisti.it), testata online ormai storica (è nata nel 2009) nel trattare temi che riguardano la "condizione giovanile" e in particolare la condizione di stagisti.

Che cosa è emerso dalle circa 1.700 interviste condotte su giovani fra i 23 e i 30 anni. Prima di tutto la consapevolezza che lo stage è una forma di sfruttamento: lo pensa, a vari livelli, l'83% degli interpellati mentre solo il 17% pensa il contrario. Ma, sfruttamento o no, lo stage va comunque fatto perché è una porta essenziale per entrare nel mondo del lavoro: lo pensa il 78% degli interpellati. Ma c'è stage e stage: la qualità dello stage proposto può essere ottima o pessima a seconda delle condizioni offerte. Ne è convinto il 94% degli interpellati, che in quasi il 60% dei casi trova positiva l'introduzione di un rimborso spese obbligatorio per gli stage. Percentuale che sale al 62% per giovani diplomati e laureati e scende al 50% per i giovani che non hanno un diploma che, nel 27% dei casi, trovano i rimborsi minimi troppo bassi. Troppo basso, di sicuro, il livello di assunzioni a tempo indeterminato alla fine degli stage.

Alessandro Rosina, ordinario di Demografia alla Cattolica e curatore del rapporto, ha fatto notare che c'è una forte disomogeneità nelle risposte sia su base territoriale che a seconda della condizione del giovane: i meno propensi ad accettare stage (48%) con rimborsi sono i NEET , i giovani che non studiano né lavorano. Nel 70% dei casi invece chi studia e lavora lo è. C'è poi una apparentemente inspiegabile inversione nella propensione ad accettare uno stage fra i giovani del nord (72%) e del sud (83%) che vede i minimi fra i milanesi: «Piuttosto che accettare uno stage che non ha un rimborso idoneo o che non offre prospettive preferiscono cercare opportunità all'estero. L'approccio è giusto perché così non sprecano tempo. Anche sull'introduzione del rimborso spese obbligatorio i milanesi sono i più scettici, perché nel resto della penisola ci sono meno opportunità e si tende ad accontentarsi».

Stagisti sì, dunque, ma non a tutti i costi, anche perché se lo stage resta una strada quasi obbligata per accedere al mondo del lavoro è ancora troppo basso il numero di stage che portano a una stabilizzazione del rapporto sfociando in un'assunzione a tempo indeterminato, come spiega Eleonora Voltolina, fondatore e direttrice della Repubblica degli Stagisti, che mette in guardia dalle situazioni in cui, come a Milano (che pesa per circa il 20% dell'offerta di stage nazionale) molte occasioni riguardano settori ad altissimo rischio di sfruttamento del lavoro fra cui primeggiano comunicazione, media, moda e pubbliche relazioni.

Proprio per districarsi tra le migliaia di offerte Repubblica degli stagisti ha creato la guida Best Stage 2015 scaricabile dal sito della testata o tramite l'app RDS Jobs community.

Giovanni Medioli
Giovanni Medioli, giornalista esperto di finanza e credito, blogger, coordinatore della “Guida del Sole 24 Ore a Basilea 2” e coautore della “Guida Pratica del Sole 24 Ore al credito alle Pmi”.
Altri articoli
Gli autori dell'Impresa