In edicola
n° 11/2017
area abbonati
Archivio articoli
2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011 2010
Autori
Acoté Massimiliano Cannata Daniele Chieffi Giampaolo Colletti Paola Conversano Luigi Dell'Olio Vito Di Bari Antonio Dini Emanuele Facile Gaia Fiertler Giovanna Guercilena Giovanni Medioli Giorgio Neglia Andrea Notarnicola Letizia Olivari Maria Cristina Origlia Daniela Ostidich Paola Stringa Marco Todarello Danilo Zatta
Il Sole 24 Ore Shopping 24

Attualità

Tutto bene col nuovo ordine mondiale? Ma gli investitori frenano..

1 marzo 2017




A febbraio la fiducia degli investitori scende di 1,6 punti a livello 92,9. State Street Global Exchange ha pubblicato il 28 gennaio 2017 i dati relativi all'indice sulla fiducia degli investitori ("State Street Investor Confidence Index" o "ICI") per il mese di febbraio 2017.

A livello globale l'ICI è sceso a 92,9 punti, in calo di 1,6 punti rispetto al dato rettificato di gennaio, pari a 94,5 punti. Il calo della fiducia è stato guidato da un declino di 9,3 punti dell'indice europeo, che si è attestato a 83,3 punti,  e dell'indice asiatico, in calo di 4,0 punti a livello 104,0. Al contrario, il  dato relativo al Nord America è salito di 3,8 punti, da 90,9 a 94,7.

La Trumpnomics, dunque, continua a dare fiducia?

Non proprio, secondo gli analisti di State Street: "Nel mese di febbraio, gli investitori istituzionali a livello globale hanno preferito evitare il rischio nonostante il trend rialzista in atto rispetto ai prezzi delle attività rischiose", ha commentato Ken Froot di State Street Associates. "Si nota una differenza sorprendente nella tolleranza al rischio tra gli investitori del Nord America e in altre regioni. Non è chiaro se questa differenza derivi dal relativo dinamismo dell'economia degli Stati Uniti all'interno del mondo sviluppato, o da un irrealistico ottimismo di Trump su utili e crescita".

"Considerato il miglioramento delle prospettive economiche nella maggior parte delle regioni, si potrebbe supporre che la fiducia nettamente più debole rilevata dal nostro indice regionale in Europa sia riconducibile alle crescenti preoccupazioni politiche in vista delle prossime elezioni in Olanda, Francia e Germania", ha commentato Michael Metcalfe, senior managing director e responsabile Global Macro Strategy di State Street Global Markets.

In altre parole, non sono gli investitori americani a essere ottimisti sulla Trumpnomics, sono quelli europei seriamente spaventati dal rischio Le Pen in Francia e dall'eventuale conseguente crollo della moneta unica.

In ogni caso il barometro dell'economia mondiale segnala un abbassamento tendenziale della pressione e della fiducia.






Giovanni Medioli
Giovanni Medioli, giornalista esperto di finanza e credito, blogger, coordinatore della “Guida del Sole 24 Ore a Basilea 2” e coautore della “Guida Pratica del Sole 24 Ore al credito alle Pmi”.
Altri articoli
Gli autori dell'Impresa