In edicola
n° 7-8/2017
area abbonati
Archivio articoli
2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011 2010
Autori
Acoté Massimiliano Cannata Daniele Chieffi Giampaolo Colletti Paola Conversano Luigi Dell'Olio Vito Di Bari Antonio Dini Emanuele Facile Gaia Fiertler Giovanna Guercilena Giovanni Medioli Giorgio Neglia Andrea Notarnicola Letizia Olivari Maria Cristina Origlia Daniela Ostidich Paola Stringa Marco Todarello Danilo Zatta
Il Sole 24 Ore Shopping 24

Attualità

Napoli Pizza Village, con la pizza 10 miliardi di fatturato e 1 milione di posti di lavoro

11 maggio 2017




È il cibo italiano più famoso nel mondo, uno dei simboli dell'italianità, ma anche un punto fermo dell'economia nazionale. Le 183.000 pizzerie italiane infatti danno lavoro a circa 1 milione di persone e creano un indotto economico alla filiera di aziende coinvolte (produttori di farina, olio,  pomodoro, lievito ecc.) pari a oltre 10 miliardi di euro. È quanto emerge da una ricerca di Napoli Pizza Village, l'evento internazionale dedicato alla pizza napoletana più grande d'Europa e giunto nel 2017 alla settima edizione. Il calendario di quest'anno è più ricco del solito e sono tante le iniziative per coinvolgere ancora di più i cultori della buona tavola. 

La settima edizione di Napoli Pizza Village è anche il luogo dove sarà possibile firmare a sostegno della candidatura dell'Arte del Pizzaiuolo Napoletano come Patrimonio dell'UNESCO. Da qui, nel 2014 ha preso il via la partnership con la Fondazione Univerde di Alfonso Pecoraro Scanio, l'Associazione Pizzaiuoli Napoletani e Coldiretti, che ha portato a raccogliere più di 1,5 milioni di firme. A dicembre 2017 finalmente la commissione Unesco si riunirà a Seul per valutare e decidere se insignire l'Arte del Pizzaiuolo Napoletano come Patrimonio dell'UNESCO.

Un'altra ricerca realizzata da Napoli Pizza Village rivela che in Italia è più conveniente mangiare la pizza fuori casa, perché il prezzo medio per prepararla in casa è di circa 8.73€, se si considera il tempo impiegato per realizzare e far riposare l'impasto (circa 4 ore), l'acqua, la corrente elettrica e le materie prime utilizzate. 
Il prezzo medio di un menù base con una Margherita e una bevanda è di circa 9.22€ nella maggior parte delle città italiane considerate. Si discostano dalla media soltanto Napoli con il prezzo più basso di 6.73€, seguita da Palermo con 7.53€, Vercelli con 7.69€ e Cagliari con 7.75€. Fanalino di coda la città di Varese, dove per gustare una pizza si spende fino a 11.58€. 

Napoli Pizza Village è una kermesse unica, che solo nel 2016 ha ospitato un pubblico nazionale e internazionale raggiungendo le 600.000 presenze. Un villaggio nella suggestiva cornice del Golfo di Napoli, lungo 1.300 metri, con  20.000 posti a sedere contemporanei, dove ogni anno le mani sapienti dei maestri pizzaioli delle 50 pizzerie più antiche di Napoli sfornano oltre 100.000 pizze.

Marco Todarello
Calabrese trapiantato a Milano, classe 1976. Giornalista professionista, scrive di politica ed economia.
Altri articoli
Gli autori dell'Impresa